indipendenza

now browsing by category

 

BEPPE GRILLO CANDIDATE AND PLEBISCITO.EU SIGNED AN AGREEMENT PROTOCOL ON THE REFERENDUM OF INDEPENDENCE OF VENETO

Jacopo Berti supports also the plan to obtain the international recognition of the new Venetian Republic.

IMG_0661Yesterday in Padua, Mr. Jacopo Berti, candidate for becoming governor of Veneto with Beppe Grillo’s 5 Stars Movement and Mr. Gianluca Busato, president of Plebiscito.eu, signed the historical agreement protocol on the referendum for independence of Veneto, freely held from the 16th to 21st of March 2014.

Once again, the spotlights are on the event that surprised the whole Europe last year, bringing for the first time the world’s attention on the Venetian question, starting a year in the name of independence. As known, the Venetian digital referendum was then followed by other two referendum (held in Scotland and Catalunia) and today it gains a new level in recognition and certification after the assessment produced by Engineering Ingegneria Informatica Spa, which verified the data reliability and after the final report issued by the International Observers Committee (IOC), a team of observers from different nations of the world, including the United States, Russia, Ukraine, Syria, Moldova, Georgia and Czech Republic and representative of a plural arc of political orientations (the observers had been selected in accordante with the principles established by the Commission Communication 191 EU on assistance and observation for elections held in the EU). As known, too, the IOC certified the voting process as genuine, reliable, free and legitimate as carried out in accordante with the principles required by the international organizations and, specifically, the principles of the CSCE / OECD Document of Copenhagen Meeting (held on the 26th of June 1990).

Now the time has come for the first official recognition by an influential representative of the first political force in consent (received during the last elections of the Italian parliament): the Venetian governor candidate Mr. Jacopo Berti, who has signed an agreement protocol with Mr. Gianluca Busato, binding himself to recognize the legitimacy of the referendum for independence of Veneto, freely held from the 16th to the 21st of March 2014.

The agreement protocol raises the level of the actual institutional contest, as the Venetian governor candidate Mr. Jacopo Berti with his signature recognizes, supports and promotes the action plan carried out by the Delegation of the Ten, freely elected during the referendum for independence of Veneto and focused on the international recognition of the results recorded during the digital referendum and the legitimacy of the re-born Venetian Republic.
Therefore, the agreement protocol overcomes all the difficulties emerged in the Venetian Regional Council which prevented the application of the regional law n. 16/2014 which have blocked the holding of an institutional referendum for the independence of Veneto, after the Constitutional Court of the Italian government contested the law.

IMG_0655Also under a legal point of view, the digital referendum of independence of Veneto held from the 16th to the 21st of March 2014, has then allowed the concrete implementation of the resolution n. 44 of 28th of November 2012, issued by the Venetian Regional Council, which provided the need to respect the will of the Venetian People and its un-touchable right to self-determination, in compliance with the International and Italian laws.

Such an example opened the gates for freedom to other regions and peoples who wished, wish and will wish to follow the same path marked by the Venetian independence process.

In case of election, Mr. Jacopo Berti has also pledged himself to allow the Delegation of the Ten to use the institutional representative rooms and locals of the Veneto Region, as to inform the Venetian people and the press on all the actions pertaining with its institutional activities.

Schermata 2014-03-22 alle 03.26.08Seen this high recognition of the fundamental democratic principles, the use of new digital communication technologies that has enabled a continuous exercise of direct democracy, the compliance with the international laws and firstly of the holy right to self-determination of peoples, the referendum committee Plebiscito.eu supports, promotes and gives indication to vote mr. Jacopo Berti as President of the Veneto Region.

The signed agreement protocol is valid and binding for the whole electoral mandate that the governor candidate Mr. Jacopo Berti will receive from the Venetian People on the 31st of May 2015, during the elections for leading the Veneto region. The agreement protocol will be ultimately ruled by the Arbitration Rules and Conciliation Center of International Arbitration of the Federal Economic Chamber in Vienna (Vienna Rules) by one or more arbitrators appointed in accordance with this Regulation.

Mr. Gianluca Busato (who this evening will preside over the meeting of the provisional Venetian Parliament which will be held from the 20.30 in Silea at the Tamai center in Via Roma 81), commented: “Now, after the scientific and diplomatic certifications, the referendum for independence of Veneto (held from the 16th to the 21st of March 2014) gains another important recognition in legitimacy, confirming to be one and only binding and decisive political act that overtake any constitutional barrier attempt. Plebiscito.eu asked all the governor candidates in Veneto, without any distinction and with transparency, for signing the agreement protocol. Among all of them, Mr. Jacopo Berti showed courage and institutional responsibility in being a champion of democracy and freedom: we take note and he will be surely awarded with the vote on next Sunday. We proceed steering the starboard towards the full independence, adding another heavy and steady brick in building the new, solid, free and indipendent Venetian Republic.”

VENETIAN REPUBLIC WILL BE AN INDEPENDENT CRYPTO-STATE?

The project for a new digital platform that will set the Venetian citizens free from Italy, has been launched yesterday in Treviso, Veneto. A Venetian crypto-currency will also be issued.

IMG_3112[Treviso, 22nd of February 2016] – Yesterday, in a crowded room of the BHR hotel in Treviso, Plebiscito.eu presented the first preview of its Crypto-State project, that is the digital platform which aim to turn Veneto into an independent nation. A new strike for the organization become famous thanks to the digital referendum held from the 16th to the 21st of March 2014 for the independence of Veneto.

Gianluca Busato, Plebiscito.eu’s leaderm takes on this new challenge on the technological innovation soil, that is to say the field where even the most advanced legal/economic subjects and social deep changes can take their own shape.

In 2014, the use of a brand-new form of technological innovation allowed Plebiscito.eu to bypass the regulatory blocks against celebrating a referendum for independence, which instead have stopped all those who thought to act in the old way in a world that has radically changed.

Now, after the astonishing certified results gathered with the digital referendum, expressing that the overwhelming majority of Venetian citizens are in favor of independence from Italy, Plebiscito.eu’s next step is to create a technological architecture to allow the Venetians to live their own lives and lead affairs independently from the meddling of the Italian state.

As Uber has enabled travelling people to match other people who could provide with this service, bypassing the old conniving taxi drivers guilds and the public administrations,too, the digital platform which will be made available from Plebiscito.eu will allow the Venetians to access the desired services without the Italian state could even know it has occurred.


cripto-tribunaThis will be made possible thanks to the particular technological structure which will be adopted, having the genetic feature of being impossibile to be controlled by external agents.
The Economic transactions for the obtained services will can take place directly into the platform, through a Venetian crypto-currency. Any Venetian citizen holding a personal account in crypto-currency, will be able to pick them up for doing what he likes better. For example, the Venetian crypto-currency may be used in exchange systems to turn them into euro, dollar, yuan or in other crypto-currencies, such as bitcoin.

The public provided services will be the evidence of that complex and innovative technological architecture that will make them possible.

Some examples of the public services the Venetian citizens will be provided with: from the digital citizenship and residence to the electoral system, from the tax system to health, state and social services. In addition, the Venetian citizens will can also offer and request guaranteed and certified private services, remaining completely anonymous in front of the Italian state.

The data of the Venetian crypto-state will enjoy an intrinsic protection, afforded by the different adopted technologies which will range (depending on the needs) by public or private encrypted distributed systems, using for example the blockchain or other P2P technologies or even traditional database.

From a technical point of view, the under construction public registry and contracts system (with public and private ledger and smart contracts technology) is similar to the one provided today by Ethereum, with a particular focus on the adaptability features that guarantee a long term “technological” shelf life, as suggested by Tezos’ position.

 

Source: Plebiscito.eu

PRATERIE INDIPENDENTISTE

La lega nazionale di Salvini varca il Rubicone e rischia di perdere il Veneto dove per la prima volta nasce un forte movimento indipendentista

veneto (1)La svolta oramai netta all’estrema destra del partito di Salvini apre un vuoto nella questione territoriale, in particolar modo in Veneto e Lombardia. Risulta infatti chiaro che una posizione estrema e populista, in particolar modo nel settore economico e produttivo, con la chiusura all’euro, all’Europa e ai mercati esteri, non paga, come non ha mai pagato in passato chi l’aveva fatta propria sia a sinistra sia, come oggi, a destra.

Il rischio concreto che corre la lega è che tale svolta, che nei sondaggi fa volare la lega a livello nazionale, con il conseguente vuoto che si è formato rischia di fargli perdere la sua storica e originale roccaforte proprio in Veneto, dove per la prima volta vede nascere un concorrente temibile con Plebiscito.eu e il suo braccio politico Veneto Sì, che oggi candida alla presidenza del Veneto il suo leader Gianluca Busato.

Plebiscito.eu è l’organizzazione che un anno fa ha colto l’attenzione di tutti i più importanti organi di informazione del mondo, grazie all’organizzazione del referendum di indipendenza del Veneto che ha visto partecipare al voto oltre 2,3 milioni di veneti (con un affluenza del 63,2%), registrando l’89,1% di favorevoli all’indipendenza del Veneto, pari ad oltre 2,1 milioni di voti “indipendentisti”.

In Veneto esistono anche altri partiti indipendentisti minori, che oggi paiono tutti orientati a partecipare alle elezioni regionali in alleanza con la lega nord di Zaia e altri partiti di destra.

Resta poi da capire come evolverà in questa settimana l’azione di critica alla linea di Salvini schiacciata sulla destra portata avanti dall’attuale segretario della Liga Veneta, il sindaco di Verona Flavio Tosi, rimasto isolato nel suo partito e in odore di commissariamento. Se Tosi si dovesse candidare, potrebbe essere appoggiato da una coalizione tra una sua lista, l’Ncd e Forza Italia.

Le altre candidature finora emerse sono quelle di Alessandra Moretti, per il pd e la coalizione di sinistra e quella di Jacopo Berti, per i grillini.

In questo scenario, con un centro-destra diviso e una sinistra destinata a sconfitta certa con una candidata debole, emerge con forza uno spazio enorme per il voto indipendentista che finalmente diventa un voto utile, come paiono dimostrare alcuni sondaggi riservati che iniziano a circolare.

Gianluca Busato per ora pare nascondersi, non apparendo mai in tv e lanciando nel territorio le elezioni del Parlamento Veneto, dove concorre sempre la lista Veneto Sì, in concorrenza con le liste della Life e di Cittadini Veneti Federati. Il Parlamento Veneto sarà eletto via internet attraverso il sito www.plebiscito.eu. Una volta queste iniziative erano portate dalla lega nord, vi ricordate il Parlamento della Padania? Oggi quello spazio pare essere diventato una prateria dove scorazza proprio Gianluca Busato, che nel frattempo dimostra maggiore maturità anche sui temi economici rispetto ai cugini padani che hanno oltrepassato il Rubicone lasciando sguarnita le proprie roccaforti di un tempo.

GLI INDIPENDENTISTI VENETI: “SALVINI A ROMA CERCA IL MORTO?”

Il leader indipendentista Gianluca Busato lancia la “Rivoluzione Digitale” con le elezioni autogestite del Parlamento Veneto dal 15 al 20 marzo e attacca duramente il partito di Salvini che si appresta alla marcia su Roma cercando gli scontri di piazza

salvini (2)

“Roma Ladrona oggi è diventata Roma Poltrona e la lega cerca anche il morto per cavalcare lo scontro sociale”. Le parole inequivocabili contro il partito più vecchio presente nel parlamento italiano sono di Gianluca Busato, il presidente di Plebiscito.eu e candidato governatore del Veneto per Veneto Sì.

Giusto un anno fa in Veneto ci si apprestava a votare il referendum di indipendenza del Veneto, organizzato da Plebiscito.eu, che vide la partecipazione al voto di oltre 2,3 milioni di veneti con l’89,10% di favorevoli all’indipendenza.
Oggi un anno dopo Plebiscito.eu si appresta a lanciare le elezioni autogestite del Parlamento Veneto e si scaglia contro il partito di Salvini, che da territoriale si è trasformato in nazionalista. Le elezioni digitali del Parlamento provvisorio della Repubblica Veneta si terranno dal 15 al 20 marzo 2015 e già oggi è possibile preregistrarsi sul sito per ottenere il proprio codice di voto.

Nel presentare la nuova fase per l’indipendenza del Veneto, Gianluca Busato punta l’indice contro la lega che oggi si è trasformata in partito nazionalista: “Sono al potere da 25 anni. Sono andati a Roma nel nome del Veneto, della Lombardia e delle regioni del nord. Non hanno portato a casa niente per la propria Terra, se non miseria e degrado sociale. Si sono riempiti il portafogli, a suon di diamanti e di investimenti in Tanzania. Hanno fallito su tutti i fronti, cambiando slogan ogni due anni. Prima l’autonomia, poi il federalismo, poi la secessione, poi ancora il federalismo fiscale, poi la devolution, poi il federalismo a geometria variabile, poi la macroregione, poi ancora il no euro”.

Continua ancora Busato: “Se c’è una ragione che più delle altre spiega perché l’indipendenza del Veneto ancora non è avvenuta questa è la presenza della lega nelle istituzioni italiane”.

Nel suo intervento poi Busato ricorda come prima del Plebiscito Digitale di marzo la lega abbia tenuto un comportamento incoerente, cercando di sviare l’attenzione dall’evento che richiamò l’attenzione del mondo intero sull’indipendenza del Veneto, salvo poi cercare di cavalcarlo e quindi di insabbiarlo.

Non mancano gli accenni alla grazie questione della corruzione scoppiata con lo scandalo del Mose: “seduti di fianco di volta in volta ai ministri farabutti o ai ladri del Mose non hanno mai visto niente e li hanno anche nominati loro assessori in regione. Ingannando in primis i loro militanti in buona fede e tradendo l’intero Popolo Veneto”.

Conclude Busato: “Hanno costruito una ragnatela di potere infinita, che si è intrufolata ovunque: nei comuni, nelle province, in regione, nella burocrazia, nella magistratura, nelle televisioni, nei giornali. La piovra verde è il più grande avversario dell’indipendenza, perché con lo stato italiano hanno mangiato a sbafo, a nostre spese, e si sono costruiti un impero”.

Per ottenere quanto prima l’indipendenza, non resta quindi che votare in massa il Parlamento Veneto dal 15 al 20 marzo 2015.

La Lega scoppia in Veneto per le sue contraddizioni interne alla vigilia della marcia su Roma

Emerge in Veneto lo scontro tutto interno alla lega tra i due amministratori veneti più importanti e di maggiore esperienza di governo, l’attuale sindaco di Verona Flavio Tosi e il governatore uscente Luca Zaia.
La questione rivela tutta la contraddizione di un movimento territoriale che oggi chiede ai suoi militanti di ricompattarsi sabato prossimo con una riedizione dell’infausta marcia di Roma. È la prima volta di una manifestazione nazionale nella odiata Roma, che una volta veniva definita ladrona dal movimento nordista, che salì agli onori delle cronache per la prima in Veneto nei primi anni ‘80. Fu clamorosa appunto la prima vittoria della Łiga Veneta nelle elezioni politiche del 1983 dove ottenne un sorprendente 13%.

SCH_043Oggi quel mondo non esiste più assieme a tutto l’armamentario ideologico di difesa delle categorie economiche lombarde e venete, nel momento in cui la lega cerca di trasformarsi da partito di difesa di interessi regionali a partito nazionalista italiano, sbarcando al sud, seppure con un marchio diverso, costruito tutto attorno al nome del segretario milanese Salvini che ha imposto la nuova linea lepenista (e fortemente contraria all’indipendenza del Veneto).

Come si fa, si chiedono in molti, a coniugare insieme una politica di estrema destra nazionalista, con la tradizionale base elettorale, più vicina al tema dell’indipendenza? E come si fa a dare garanzie di governabilità al ceto moderato, che vede di malumore gli estremismi che rischiano di condannare la lega a semplice ingombrante congelatore di voti destinati all’opposizione?

Le ragioni più profonde della imminente e ormai probabile scissione tra Tosi e Salvini, con sacrificio di Zaia, sono proprio da ricercare in tale contraddizione politica, sempre più evidente.

tosi-zaiaIl sindaco di Verona ha costruito tutta la sua carriera di amministratore attorno al paradigma della capacità di governo. È chiaro ed evidente che non può sottostare ai diktat populistici di chi invece non si comprende bene cosa voglia fare, al di là del casino mediatico fine a sé stesso. A rimetterci è Zaia, che a sua volta incarnava una linea di puro amministratore e non di politico, ma che ora rischia la sconfitta proprio per essersi alleato a quanto di meno vicino ci sia al concetto di capacità di governo. Salvini rappresenta infatti i no-global di destra della politica, qualcosa che solo a guardarlo fa allontanare la maggioranza silenziosa per istinto autoriflesso. Le sue felpe sono incompatibili con la governabilità e qualsiasi cosa che sia solo minimamente istituzionale.

La contraddizione leghista tra l’altro apre il fianco del governatore uscente alla concorrenza di chi porta avanti una linea coerente per l’indipendenza del Veneto. Pochi ricordano che poco più di un anno fa successe qualcosa di simile. Fu allora sempre Flavio Tosi a far emergere la volontà di indipendenza del Veneto, facendo approvare dal consiglio comunale di Verona un ordine del giorno a favore dell’indizione del referendum di indipendenza del Veneto, mentre in regione Veneto la questione veniva sepolta in commissione.

Poche settimane dopo fu lo tsunami del referendum digitale per l’indipendenza del Veneto a travolgere tutto e tutti.

Anche quest’anno si stanno ripresentando condizioni simili, in forma più drammatica per una lega che pare aver oltrepassato il punto di non ritorno verso una spaccatura letale, nella Terra in cui è nata e in cui aveva costruito il proprio successo.

I FORNITORI DELLE POLTRONE DEI POLITICI ITALIANI CONTRO L’INDIPENDENZA DEL VENETO

Oggi il Presidente di Confindustria Veneto Zuccato si è lanciato aspramente contro l’indipendenza del Veneto.
Abbiamo finalmente capito il vero motivo: abbiamo infatti appreso che la sua azienda ha vinto la gara d’appalto indetta da Consip, la società per azioni del Ministero dell’Economia e delle Finanze, per la fornitura delle POLTRONE da UFFICIO per la PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, per una durata massima di due anni.
APPALTO pari a 11 MILIONI di €!!!!

La sua affermazione “l’indipendenza ci danneggia” è quindi sbagliata, piuttosto è meglio dire “l’indipendenza MI danneggia”.

Schermata 2015-02-04 alle 14.46.59

gazzettino

ABBAIARE ALLA LUNA NON SERVE A NIENTE E ALLA LUNGA STANCA

Le cose vanno dette chiaramente, anche quando possono apparire dure. Il silenzio sarebbe infatti colpevole e autolesionista non certo un segnale di rispetto delle idee politiche altrui.

Va allora affermato con forza che l’iniziativa del referendum regionale per l’indipendenza del Veneto secondo quanto previsto dalla legge regionale 16/2014 è una questione che purtroppo ha perso la connotazione di serietà. Sono stati fatti purtroppo diversi, volontari e gravi errori, sia per il finanziamento esorbitante previsto per la consultazione sia per la modalità di conferimento delle somme da parte dei privati, con una colpevole inerzia della Giunta regionale presieduta da Zaia che di fatto non ha attuato la legge. Ora essa risulta monca e al di là delle motivazioni di propaganda elettorale non risulta di alcuna utilità portare avanti nuove iniziative, che, per quanto simpatiche, risultano di effetto pratico nullo, se non addirittura negativo per la dispersione di energie a vuoto, in un continuo e vano abbaiare alla luna, operazione in cui in particolare gli avvocati impegnati in campo indipendentista paiono dedicarsi con particolare dedizione, forse pensando di vivere sempre in un’aula di tribunale, dove ci sono solo giudici e imputati, e dove il confine tra una causa vinta e una causa persa è labile e giustificato dal diritto ad un giusto processo per tutti. In politica invece conta vincere e per vincere bisogna avere un progetto concreto, che oggi non si scorge dalle parti degli agit prop della legge regionale 16/2014.

morosinAnche il proposito manifestato da alcuni, in particolare dal gruppo di indipendenza veneta di Alessio Morosin, di riproporre un’iniziativa referendaria dopo che la prima venisse bocciata dalla corte costituzionale il prossimo 28 aprile – cosa che pare arduo anche per un cieco oggi sperare non avvenga – pare all’insegna dell’inutilità ripetuta e conclamata che automanifesta la propria impotenza.

Ma come? Se lo stato si arrogasse il diritto di impedire ai cittadini veneti di esprimere per la seconda volta la propria opinione in un legittimo referendum per l’indipendenza del Veneto, che senso avrebbe tentare di rifare un referendum già bocciato in modo offensivo dei più basilari diritti umani?

Non si possono continuare a prendere in giro i veneti, anche se si crede di possedere doti di oratore e si pretende di incarnare l’ideale indipendentista.

È chiaro infatti che a quel punto, visto il diritto negato, resta invece aperta solo la strada di una conferma di dichiarazione unilaterale di indipendenza da parte della Regione. Per la qual cosa serve un mandato popolare elettorale, mandato che ad esempio Veneto Sì ha già dichiarato di voler chiedere esplicitamente agli elettori veneti.

Appare anche evidente una incapacità e nescienza tecnica, perché, a quanto si legge dai primi contenuti pubblicati, non si comprende nemmeno il funzionamento della macchina burocratica amministrativa. Come se non fosse bastata la lezione catalana, dove persino la Generalitat guidata da Artur Mas, pur dimostrando un coraggio istituzionale che uno Zaia si sogna, si è piegata di fronte al niet di Madrid, ripiegando dall’organizzazione di un referendum istituzionale il 9 novembre 2014 a uno di ispirazione civica, proprio come avevamo già fatto noi veneti dal 16 al 21 marzo 2014, grazie all’azione di Plebiscito.eu.

 

IL TRASFERIMENTO DEL MAGISTRATO ROBLEDO, AMICO DELLA PIOVRA LEGHISTA, RIVELA IL SISTEMA DI POTERE MAFIOSO VERDE PADANO E MOLTO ITALIANO

yalta

La notizia è passata quasi inosservata. Oggi è stato trasferito da Milano a Venezia un magistrato, Alfredo Robledo, che avrebbe favorito Bossi e la Lega Nord (oggi guidata da Salvini) nel sottrarsi alle indagini pericolose che la riguardavano. Le notizie (sotto riportiamo l’Ansa) vedono una soffiata di Robledo all’avvocato delle lega Aiello. Anche qui la richiesta di archiviazione sul sospetto reato di “rivelazione di segreti di ufficio” viene dal solito pm Salomone di Brescia, al centro anche dell’indagine-farlocca contro i 24 venetisti arrestati il 2 aprile 2014 e poi rilasciati dopo due settimane di vergognosa e inutile detenzione.

La piovra simil-mafiosa nella gestione del potere in salsa lega viene fuori in tutto il suo marcio, con una connessione tra il mondo della magistratura e la copertura della corruzione, come già non bastasse il controllo del sistema degli appalti di cui il Mose è solo la punta dell’iceberg.

Oggi si capisce bene perché Salvini e Zaia hanno tradito ad esempio i veneti, abbandonando la linea indipendentista, anzi tentando di soffocare e cavalcare l’azione messa in atto da Plebiscito.eu, che dal 16 al 21 marzo 2014 organizzò il referendum di indipendenza del Veneto, richiamando i media di tutto il mondo.

Preoccupa quindi ora che questo Robledo arrivi proprio a Venezia, proprio prima delle delicate elezioni regionali del 17 maggio 2015, dove si gioca una partita importante per l’indipendenza del Veneto.

Pg Cassazione,Robledo avvantaggio’ Lega, danni per Pd e altri

(ANSA) – ROMA, 20 GEN – In particolare, secondo il Pg, nel procedimento che riguardava Bossi padre e figlio e Belsito, Robledo avrebbe suggerito o addirittura quasi dettato a Aiello – che aveva saputo dell’imminente pubblicazione da parte dell’Espresso di un servizio sull’indagine – un’istanza con cui ottenere copia di una consulenza non nota ancora agli indagati. E quando l’istanza venne respinta, il pm milanese conversando con l’avvocato avrebbe fatto ricadere la responsabilita’ della decisione su altri magistrati del suo ufficio, a partire dal procuratore Edmondo Bruti Liberati. Un comportamento valutato da Ciani come gravemente scorretto nei confronti dei colleghi. Per quanto riguarda invece l’inchiesta sugli indebiti rimborsi percepiti da consiglieri regionali, Robledo avrebbe violato il dovere di riservatezza con piu’ comportamenti: anche rivelando a Aiello quali fossero gli indizi a carico degli indagati o annunciandogli in un’occasione (era il 18 dicembre 2012) che il giorno dopo sarebbero finiti sotto inchiesta altri 7-8 consiglieri regionali. Il tutto pur essendo cosciente che l’avvocato aveva un filo diretto con i vertici della Lega Nord e che dunque avrebbe rivelato loro tutto. (ANSA).

FH 20-GEN-15 17:33

Don Chisciotte della Mancia contro la Corte Costituzionale


Elogio-del-masochismo-1Forse per spiegare ai cittadini veneti, indipendentisti e non, il paradosso della legge regionale 16/2014 impugnata dal governo italiano presso la corte costituzionale, che si pronuncerà in merito il 28 aprile 2015, più che tanta teoria serve un esempio calcistico.

In una partita puoi avere diversi obiettivi. Se giochi in trasferta, puoi accontentarti di pareggiare, magari segnando anche un goal, confidando poi di vincere in casa.

Pensare invece di andare in trasferta per perdere e poi lamentarti dell’arbitraggio è una strategia destinata a sicura sconfitta.

Per tale ragione non comprendiamo come alcuni pensino di andare a giocare una partita per l’indipendenza del Veneto in un campo con una tifoseria violenta e nemica, con l’arbitro venduto e senza pubblico al seguito pensando di ottenerne qualcosa.

Certo, qualcuno può ritenere utile dopo essere stato massacrato per 4-0, magari con qualche espulsione, di lamentarsi dell’arbitro. Perché questo sarebbe il risultato di una partita dell’indipedentismo veneto presso la corte costituzionale italiana.

Ma a cosa serve? Quali risultati concreti porta un tale atteggiamento, se non la sublimazione della propria assoluta incapacità strategica?

Se c’è un ambito di forza del processo di indipendenza del Veneto è che esso è per natura di carattere internazionale.

La prima accortezza strategica è quella di evitare al proprio “esercito” una sconfitta certa.

Allora non facciamoci massacrare in un ambito costituzionale, dove la sconfitta è sicura e che rappresenta palesemente un ambito indebito per giudicare il diritto di autodeterminazione del Popolo Veneto: piuttosto rinunciamo alla partita truccata e perdiamola per 2-0 a tavolino, almeno non aumentiamo il morale ai nostri avversari e non sminuiamo il percorso di diritto internazionale.

Andare a presenziare a Roma alla corte costituzionale, anche solo per dire loro che sono incompetenti a giudicare, significa soffrire di un complesso di inferiorità e riconoscere il sopruso loro e del governo italiano. Solo alcuni avvocati italiani palesemente prigionieri degli interessi di casta che li legano a una corporazione italiana contraria agli interessi del Veneto possono fare un errore di gravità concettuale inaudita.

Il percorso istituzionale non deve diventare la scusa per processi che sono ontologicamente autolesionistici e masochisti.

Allora, se è chiaro a tutti che il signor Luca Zaia non ha alcun interesse a portare avanti un percorso per l’indipendenza del Veneto se non per mero calcolo elettorale, lasciamolo andare al massacro, da solo. Non prestiamogli il destro, aiutandolo anche in sede dottrinale con interventi di supporto che risulteranno squalificanti per tutti.

Il diritto di autodeterminazione, in quanto diritto internazionale, è diritto di fatto. Allora promuoviamo tutti assieme un percorso fattivo e non supplichevole di indipendenza, basato sulla sovranità popolare.

Anche perché, in fin dei conti, su base privatistica i cittadini veneti, come poi i catalani, si sono già espressi in grande maggioranza per la propria indipendenza.

Trasformiamo allora le prossime elezioni regionali come un nuovo plebiscito di fatto verso chi ha intrapreso un percorso fattivo di indipendenza. Senza autogoal clamorosi.

Inside Venice’s Secession Movement

Fonte: mises.org

[Editor’s Note: In a follow-up to his remarks in the international media about the Venetian secession movement,Paolo Bernardini wrote: “As a political realist well in line with Mises … Rothbard, Hoppe, and the Italian libertarians Carlo Lottieri, Marco Bassani, and Alessandro Vitale, I envisage a (near) future world of small states, free to interact in a global, free market.” Prof. Bernardini spoke with us further about the secession movement and what comes next in Italy and Europe.]

venice-12Mises Institute: How did you become involved with this movement?

Paolo Bernardini: I moved to Veneto, to the city of Padova (Padua), in 2001, as director of the Boston University Center for Italian Studies, a job I held until 2009. Over the course of eight years, I got involved with the local separatist movements, and at the same time I developed a strong interest in the libertarian and classical-liberal thought. So, now that I teach in Como, Lombardy, I envisage a similar future for Lombardy as well. In a certain sense, mine is a cold-blooded, economically-oriented separatism that I might well endorse/apply elsewhere, from New Hampshire to Catalonia. Of course, I also developed a love for the Veneto territory, people, and traditions. I spend most of my time in Venice, when I am free from work. I do not believe in “ethnic” nationalism as a primary factor for the establishment of new states that are also strong economies and globally oriented.

MI: Were you pleased with the outcome of the referendum? What do you say to your critics who say it was not a fair or properly-held election?

PB: Of course I was and am pleased with the outcome of the referendum. Now, the certification of the votes is ongoing, but it is a complex process that might involve some more months. It was a fair and properly-held election, only, it did not originate from any public source, contrary to what is going to happen in Scotland, on September 14th, and in Catalonia, on November 9th. It is a genuine expression of a people, and of a spontaneous committee who freely organized the referendum, so, in a way, it is a quintessential expression of sheer democracy. Moreover, the use of an electronic vote for political purposes of this scope is historically unique. Gianluca Busato, the leader of the separatist movement, and an engineer, deserves a mention inWIRED! for his skill in making it all work smoothly. Sardinia, Sicily, and Friuli have borrowed our know-how and are organizing similar referenda.

According to international law, the right of self-determination is sacred, but there might be several ways to exercise this right, and, to make the existence of the will of a people to secede public and internationally acknowledged, is a first step.

Within other separatist movements, such as “Indipendenza Veneta,” however, leaders are in favor of a “public” referendum, i.e., a referendum organized by the Regional Council, as is going to happen in Scotland and Catalonia. However, while the British do not have — thank God — a constitution, both in Spain and in Italy the respective constitutions forbid the separation of territories. This does not mean that peoples are deprived of freedom.

Ideally, international law is a source of law superior to any constitution. A fortiori, natural law is such. Jefferson was so right in stating that constitutions have to be binding for one generation only! And for “generation” he meant 19 years! Peoples, and a fortiori, individuals, are live entities, cannot and may not be bound to dead letters.

MI: What are the ideological origins of this movement and who else has been involved?

PB: Plebiscito.eu (the organizer of the referendum) has a very strong classical-liberal component, but there are also other components. For instance, economists such as Lodovico Pizzati, now at California State, Los Angeles, are in favor of the EU, and also of the Euro. But ideology, in a way, is less important than the final goal we set for ourselves: independence. When independent, Veneto will be a democracy and as such there will be competing parties trying to rule over the new state; many, including myself, envisage the creation of a Venetian Libertarian Party, for social-democracy in several garbs will try to gain power. Certainly, taxation will be lower than under Italian rule, whatever party will rule. Italy is a fiscal hell, no wonder that it is traditionally in the lower ranks of the Index of Economic Freedom.

MI: What are the prospects for victory for secession?

PB: I think that our prospects for victory are strong. A number of factors will play a positive role in the near future, I would say, from now to the end of the year.

  1. The Italian economic crisis will get worse. We are already witnessing the closure of thousands of businesses in Veneto (yesterday, Ideal Standard, a major company in toilet ceramics, laid off 450 employees); entrepreneurs kill themselves in the hundreds; young people migrate; unemployment reached terrible peaks; Italy is turning into a nightmare.
  2. Our votes, those of the referendum, will be properly certified, by an ad hoc committee. The certified results will be presented to the International authorities, organizations, etc.
  3. Scotland and Catalonia will have their separatist referendum. In the case of Scotland, now polls say that the “no” and “yes” are almost even. In the case of a victory of the “yes,” this will give an incredibly strong impulse to our movement. In Catalonia, the “yes” party is traditionally in the majority.
  4. The EU is in a great crisis, as it will be made clear by the forthcoming EU Parliament elections. The EU might have all the possible interest in keeping rich new states in the Euro-zone (as a libertarian, I am not pro-EU, but this is only my personal view), including Scotland, Catalonia, Veneto. Scotland might be a part of the EU when the rest of Britain — look at the great success of Nigel Farage — might go away from the EU.

MI: How do you think true separation would affect the Venetian economy?

PB: Over the long term, positively. Over the short-to-medium term, there will be a great popular enthusiasm, the sense of a new beginning among a frustrated, impoverished, disillusioned population. But, I suspect, there will be problems in the negotiations of the assets and debts with Italy. Veneto will probably have to take up some of the huge Italian public debt. In the case of Scotland, the problem will be shared per capita, or per regional income, in proportion with the national income? If per capita, Veneto will have less than 10 percent of the Italian public debt to take care of, on the contrary, if per regional-proportional income, much more than 10 percent. From my point of view, I see the public debt as something done only by Italy and to be left entirely to the Italian government, but this way of thinking would present a major stumbling block to a smooth transition. Veneto has to offer to the rest of Italy a “golden parachute” after it breaks away.

MI: How do you imagine a new Venetian state would interact with the overall European community?

PB: A tiny majority of Veneto people are in favor both of the EU and of the Euro as a currency. So I envisage a little, rich state, playing a major economic and political role in the EU, a stabilizing role. It will interact naturally with other rich and similar states, Bavaria (still part of Germany), Austria, and the Netherlands. It will be a Finland in the Adriatic. In general, however, new little states entering the EU in a position of economic privilege (Scotland, Catalonia, Veneto) should also be able to recondition the EU policies and even its nature.

The EU is dangerously approaching the status of a dictatorship, it should go back to be a loose confederation of states providing the guarantee of a free market, a free economic space really open to the East. And nothing else. It is worth remembering that the Ukraine disaster is partially due to the EU sealing off its borders, its protectionist policies: and I refer especially to the Polish-Ukraine borders, and its acting with the cold-war mentality that is at the very origins of the creation of the European Community. It is also worth recalling that the best performing European economies are those of Norway and Switzerland, both independent states, without the EU or the Euro. Mr. Van Rumpuy does not like them, but the international markets do.

MI: What steps has the Italian state taken in the wake of the vote to prevent Venetian secession?

PB: Mr. Alfano, the Italian Minister of Interior Affairs, recently came to Veneto and stated: “Veneto is a major problem and needs a very advanced form of federalism.” What he meant is not clear, nor has any political action been taken so far, at the central level, to address the problem. Every time I hear the word “federalism” I am dismayed. A state is born federal, not turned to a federal commonwealth after it has been born centralistic. This is what history tells, and teaches. Look at the US. They were born free, for some happy years they were 13 free colonies, then they had the Constitution, the Civil War, the New Deal, the Wall Street collapse, all steps that made it more and more centralistic. Look at Switzerland. Until 1848 it was a real confederation. Then its 1848 constitution made it more centralistic, provided for a capital city, Bern, and some of the original freedoms of the Cantons (honestly, just a few) were forever lost.

Italy was born stubbornly centralistic, it might have been different, there were champions, such as the Milanese Carlo Cattaneo and Giuseppe Ferrari, of a pure form of federalism. They lost. Now the time is approaching for the redde rationem. In comparison to Italy, the other major state born in the 19th century, Germany, is much less centralistic. Look at Bavaria, they keep most of their revenues at home. There is no separatism in Bavaria, at least no movements comparable in size and support to those in Veneto, or Lombardy, or Catalonia.

When he was arrested and almost immediately executed, Robespierre was discussing with his team how to design the new letterhead of the official paper to be used by the Convention. I think of this when I see both mainstream newspapers and Italian politicians referring to us as “folklore,” to diminish us, without realizing what’s happening.

^